Filosofia moderna e contemporanea

Storia dell'idea di Immanenza

Presentazione:

La tesi dell’immanenza (o univocità) dell’essere, contrapposta alla tesi della trascendenza (o equivocità) dell’essere, è sempre stata un’idea controversa e prevalentemente osteggiata nella storia della filosofia. Eppure, l’idea di immanenza e, più in generale, di un’ontologia dell’immanenza, ha una lunga e ‘sotterranea’ storia che attraversa l’intera storia del pensiero, dai Presocratici a Deleuze, includendo lo stoicismo antico, Duns Scoto, Spinoza e Nietzsche. Ma cosa significa, precisamente, concepire l’essere come immanente e quali implicazioni comporta? E qual è, più profondamente, il problema metafisico che si cela dietro l’opposizione tra trascendenza ed immanenza? Il corso mira a rispondere a queste domande attraverso un’analisi storico-concettuale, evidenziando, infine, la rilevanza del problema anche per la metafisica e il ‘naturalismo’ contemporanei.

BREVE CURRICULUM DOCENTE

Martin Calamari è docente di filosofia presso UPAD e ricercatore indipendente. La sua ricerca si focalizza sulla filosofia moderna e contemporanea (in particolare, Leibniz, Kant, Nietzsche, Bergson, Deleuze, Simondon, Serres, Foucault, post-strutturalismo, process philosophy), sulla storia e filosofia della scienza (in particolare, Riemann, Klein, Einstein, Weyl, Cartan, Lautman, Koyré, Chatelet, naturalismo, metafisica della scienza) e sulla storia e filosofia della fisica (filosofia dello spaziotempo, cosmologia, gravità quantistica). Ha pubblicato sui Deleuze and Guattari Studies e ha partecipato a vari convegni internazionali.

Prezzo  140,00

Informazioni