Corsi di scrittura creativa a Bolzano

Fondazione Upad organizza ormai da molti anni, come scuola di scrittura creativa Le Scimmie, numerosi corsi di scrittura creativa a Bolzano e per tutta Italia.

Per l’autunno 2018 sono previsti due percorsi:

PERCORSO LETTERARIO

Corso sul racconto breve

Il (Per)corso Letterario è rivolto a coloro che, appassionati di scrittura, intendono sfruttare l’opportunità di seguire un corso di formazione, ovvero un laboratorio di scrittura creativa dedicato al racconto breve. Il corso si presenta come un’occasione per fare pratica di scrittura negli unici modi possibili: scrivendo e leggendo. Scopo dell’iniziativa è quello di individuare e sostenere talenti emergenti altoatesini che intendano dedicarsi alla narrazione. Il percorso si propone quindi di stimolare e valorizzare il talento dei partecipanti, attraverso una mirata formazione. Il tema scelto per questa edizione è “PONTI”, un concetto che bene si colloca nelle terre di confine, come quella in cui viviamo. Una metafora, un simbolo a cui gli uomini si sono spesso ispirati, riferendosi a esperienze di unità e diversità insieme, di pensieri opposti che si possono però congiungere; ponti che collegano luoghi e uniscono persone, idee, culture.

PRIMA FASE

Il laboratorio si articolerà in una prima fase in cui saranno previsti 6 moduli della durata di 6 ore ciascuno, il sabato, dalle ore 10.00 alle 13.00 e dalle 14.45 alle 17.45 a partire dal 10 novembre 2018 e in cui i partecipanti saranno guidati nella scrittura di un racconto sul tema proposto. Docenti saranno Sara Meddi, responsabile di redazione per l’agenzia letteraria La matita rossa (BG) e Paolo Zardi, scrittore. Responsabile scientifico del corso sarà il prof. Giovanni Accardo. Il laboratorio affronterà i seguenti aspetti:
  • introduzione al racconto breve
  • il narratore e il punto di vista
  • il personaggio
  • il ritmo narrativo (più ripasso di punteggiatura)
  • il tempo e lo spazio del racconto
  • di che cosa è fatta una scena
Il corso è aperto a un numero di max 20 partecipanti e le iscrizioni, redatte su apposito modulo, si accetteranno fino al 31 ottobre 2018. La quota di adesione è fissata in 320 €, ridotta a 160 € per gli studenti.

SECONDA FASE

Sara Meddi, Giovanni Accardo e Paolo Zardi sceglieranno 7 racconti tra quelli scritti duranti il laboratorio e gli autori selezionati riceveranno come premio la partecipazione gratuita a due laboratori intensivi di 6 ore ciascuno, destinati all’editing del proprio racconto, al fine di renderlo presentabile a una casa editrice.

TERZA FASE

I racconti sottoposti a editing verranno sottoposti a una giuria esterna, presieduta dallo scrittore e sceneggiatore Giorgio Vasta, che li valuterà li proporrà per la pubblicazione.

SCRIVERE PER IL CINEMA "WRITER'S ROOM"

In collaborazione con Bottega Finzioni di Carlo Lucarelli

Articolazione del Corso e metodologia

La Writer’s Room è una modalità di lavoro nella scrittura di sceneggiature che viene usata a livello professionale da diversi anni negli Stati Uniti e che si sta facendo largo anche in Italia, soprattutto nel mondo delle serie televisive.

Si tratta di squadra formata da autori di diverso livello (da esperti a principianti, passando per fasi intermedie) che lavorano a un progetto. Chi è alle prime armi ha la possibilità di apprendere sul campo osservando il lavoro degli autori più navigati e iniziando a dare qualche piccolo contributo mentre chi ha già qualche esperienza ha la possibilità di testare le sue capacità.

Durante il corso Writer’s Room, le numerose componenti del mestiere dello sceneggiatore verranno vissute praticamente dagli allievi che avranno modo di mettersi alla prova concretamente nello sviluppo di una sceneggiatura a partire da un’idea.

Questo metodo di lavoro rientra a pieno nel metodo che Bottega Finzioni porta avanti fin dalla sua nascita, ossia una didattica che vede docenti e allievi che lavorano gomito a gomito a un progetto, come nelle antiche botteghe rinascimentali. Le parti teoriche del corso saranno inframezzate dalle esercitazioni pratiche e dal lavoro di sviluppo dei soggetti e delle sceneggiature dei partecipanti in modo da poter immediatamente fare esperienza di quanto appreso.

Il corso si articolerà in 6 incontri da sei ore ciascuno, nelle giornate di sabato, per un totale di 36 ore.

Calendario: 17/11 – 1/12 – 12/01 – 26/01 – 16/02 – 16/03

Orario: 10.00 -13.00 / 14.45 – 17.45

Modalità di partecipazione

Il corso è aperto a tutti. Grazie all’impostazione metodologica potranno partecipare sia principianti assoluti che allievi con qualche esperienza pregressa. Potranno partecipare inoltre gli allievi che hanno già frequentato il corso tenuto nell’anno 2017/2018 lavorando sui soggetti di film in via di sviluppo. Il corso è aperto ad un massimo di 20 partecipanti.

Argomenti del corso:

– Come si trova una buona idea per una storia?

Come si trasforma un’idea in un soggetto?

E’ la storia che fa il personaggio oppure è il personaggio che fa la storia?

– Come si sviluppa un soggetto? I passaggi fondamentali prima della sceneggiatura.

Quali sono i segreti dello sceneggiatore?

Come si scrive, tecnicamente, una sceneggiatura?

 

DOCENTI

I docenti incaricati del corso saranno docenti di Bottega Finzioni, scuola di narrazione fondata da Carlo Lucarelli nel 2011, oltre che sceneggiatori professionisti.

Sara Olivieri. Sceneggiatrice e autrice televisiva.

Nell’ambito dei documentari è autrice di Qualcosa di noi diretto da Wilma Labate e prodotto da Bottega Finzioni e dall’Istituto Luce.

Nel 2015 ha diretto il suo primo cortometraggio documentario Il teatro si fa in tanti, il racconto di un teatro in provincia di Mantova gravemente danneggiato dal terremoto del 2012.

In ambito televisivo è autrice di diversi puntate di Muse Inquietanti in onda su Sky Arte HD e di Profondo nero in onda su Crime Investigation.

Nel 2016 insieme a Orso Tosco, è arrivata in finale al Premio Franco Solinas con la sceneggiatura con un lungometraggio di fiction dal titolo Acqua in polvere che riceve una Menzione Speciale della giuria e vince la borsa di studio Claudia Sbarigia.

Dal 2016 è Vicedirettore Artistico e Responsabile allo Sviluppo di Bottega Finzioni.

Giampiero Rigosi, laureato in filosofia, per anni si è guadagnato da vivere con diversi lavori, tra cui l’istruttore di scuola guida, l’autista di ambulanze, il camionista e il conducente di autobus. Ha pubblicato per Theoria, MobyDick, ADN Kronos, Walt Disney, Einaudi ed è tradotto in diversi paesi. Per il cinema ha scritto diversi film, tra cui Prendimi l’anima di Roberto Faenza, e Notturno bus, film tratto da un suo romanzo. Per la tv ha lavorato alle serie Distretto di polizia, Crimini, L’ispettore Coliandro e La porta Rossa. Insegna presso la scuola di narrazione Bottega Finzioni.